Tour de France

Homepage

Regole

faq

Contattaci

Registrati

Mar 16 Lug

clicca per mostrare scadenze 2 scadenze...

Mer 17 Lug

 6 scadenze...

Gio 18 Lug

 5 scadenze...

Ven 19 Lug

 6 scadenze...

Sab 20 Lug

 15 scadenze...

Dom 21 Lug

 6 scadenze...

BAR FANTASPORTAL [stai nascondendo il titolo] Ultimo messaggio kalen 15/07 22:29 Bollettini: 0
Olympics - Ciclismo pista / Cycling track: le news

Elia Viviani....grazie!

PDF

cianfa88 - 30/08/16, 16:23

La vittoria di Elia Viviani nell'omnium è stata la mia medaglia d'oro preferita, e penso che molto di voi condivideranno il mio pensiero. Per prima cosa per aver finalmente riportato la pista italiana al trionfo olimpico (dal 1996) dopo 15 anni di risultati inesistenti per colpa di vergognose politiche della federazione (che hanno avuto anche gravi ripercussioni sull'attività su strada); poi perché umanamente vicini a Elia, che ha lottato quattro anni dopo la delusione di Londra per questo trionfo, anche sacrificando una carriera da stradista per ora inferiore alle attese; e infine per la bellezza intrinseca del ciclismo su pista, disciplina che non può non far innamorare a prima vista e di una nobiltà e di una difficoltà che fanno impallidire discipline più moderne ma che hanno ben poco di sportivo (ok, ce l'ho con il BMX avete capito).

Una condotta di gara strepitosa quella di Elia, che che ha sapientemente evitato di sprecare energie nello Scratch accontentandosi di un piazzamento, per poi disputare una bellissima Corsa a Eliminazione e delle prove di Velocità ottime; infine, una Corsa a Punti in cui è stato assediato fin dall'inizio da avversari del calibro di Hansen, Cavendish e Gaviria ed ha realizzato un vero capolavoro di forza e tattica.
Una rinascita della pista italiana che pare confermata anche dall'ottima prova dei due quartetti dell'inseguimento, con la compagine maschile su cui è addirittura possibile puntare per una medaglia nel 2020.

Bene, per il resto la Gran Bretagna conferma un dominio imbarazzante con 6 medaglie d'oro su 10 possibili (e quattro argenti), con l'imbattibile coppia Laura Trott e Jason Kenny sugli scudi e l'unico punto parzialmente debole nella velocità femminile (a squadre la Cina, nell'individuale la Vogel e nel keirin la Ligtlee).

Da noi gioco omnimed, con risultati non sempre scontati ma con il record di una cinquantina di medaglie d'oro nella velocità a squadre femminile. Complimenti a tutti i medagliati, se avete la pazienza di aspettare il mitico aggiornamento di achix del classificone scopriremo anche chi ha preso più ori.

Prossimo appuntamento con la pista i campionati del mondo di Hong Kong nell'aprile 2017. Saluti a tutti!

 

Vai alla homepage del gioco

Tutte le news (7)